STORIA

LA NOSTRA STORIA

Nel 1922 la comunità cintese, dotandosi di un organo, ha affrontato una prima esperienza corale con i maestri don Giacomo Marzin, Antonio Amadio, organista Rina Bornancini e nel 1932 con Giovanni De Vecchi (direttore/organista).
La dura esperienza della guerra non ha scalfito la passione per la musica dei cintesi che al termine di essa riprende l’attività del coro grazie al importante contributo del maestro Antonio De Vecchi, mentre il cugino Giovanni assume l’incarico di organista. Le difficoltà, in particolare l’emigrazione, non consentono la formazione di un gruppo stabile: alcune esperienze si realizzano con un coro maschile, altre con un insieme femminile, altre con voci miste.
A metà degli anni settanta il maestro Antonio De Vecchi costituisce un gruppo che, con organista la figlia Lucrezia, propone, tra l’altro, le Messe “Eucaristica” e “Secunda Pontificalis” del Perosi e “Alleluia” di Haendel.
Nel 1982 esordisce, come organista, il giovane Luciano Bertuzzo ed il gruppo solennizza le celebrazioni con la “Missa Tertia” di Haller e la “Missa S.Antonio da Padova” del Campodonico.
Nel 1984, erede della splendida esperienza “Cintoinsieme”, nasce la

Giovane Corale Cintese, diretta da Luciano Bertuzzo.
Nel 1986 il maestro Antonio De Vecchi lascia un vuoto nella coralità di Cinto Caomaggiore ma la passione dei suoi amici ha il sopravvento.

Il coro “Antonio De Vecchi” trae origine nel settembre 1986 fondendo la tradizione, rappresentata dal Coro parrocchiale diretto da Giovanni e successivamente Antonio De Vecchi, con la freschezza e l’entusiasmo della Giovane Corale Cintese.
Artefice convinto ed infaticabile l’attuale direttore Luciano Bertuzzo.

La nuova realtà corale cintese ha, nel tempo, ampliato lo studio e l’attività musicale: dal repertorio liturgico all’approfondimento della polifonia sacra e profana e alla ricerca del canto popolare.
Nel dicembre  2002, per festeggiare 16 anni di attività, ha presentato il primo doppio CD contenente 40 brani scelti tra i più interessanti del proprio repertorio polifonico e popolare.

Dal 2002 il coro ha iniziato un profondo rinnovamento di organico con l’inserimento di un gruppo di giovani e di alcuni coristi provenienti da paesi vicini; il nuovo gruppo nel suo organico completo conta circa 30 elementi.

Il 14 maggio 2005 ha presentato il secondo CD dal titolo “non solo SACRO” prodotto assieme al coro “I Cantori di S. Tomaso di Canterbury” di Gaiarine e registrato dal vivo in occasione del concerto di S. Biagio del 7 febbraio 2004 a Cinto Caomaggiore e del concerto di primavera del 14 maggio 2004 a Chions.
In occasione del concerto di S. Biagio 2007 il coro ha registrato dal vivo il terzo CD diviso in tre parti: solo coro, solo orchestra e coro+orchestra; nel Cd sono presenti varie opere di autori diversi ed in particolare la “Spatzen Messe” di W. A. Mozart.

Nel maggio 2008 il coro ha prodotto il quarto CD dal titolo “Voci nel castello”, che contiene i brani più rappresentativi del repertorio che attualmente presenta nei concerti.

È stato inoltre presente in varie località del Veneto e del Friuli, in Sardegna, nelle Marche,Toscana, Umbria, a Roma, Varese, Torino, Catania, in Austria, Germania, Svizzera, Francia, Polonia, Ungheria, Spagna, Repubblica Ceca e Portogallo.

Il gruppo sta vivendo ed ha vissuto tutte queste interessantissime esperienze culturali, sociali ed umane, attraverso la formula dello “scambio alla pari” che permette, oltre che lo scambio fra cori delle proprie esperienze musicali, anche la conoscenza delle differenti realtà socio-culturali.